venerdì 7 ottobre 2011

2 Pubblicazioni:i progetti di successo del programma per l'ambiente LIFE+

La Direzione generale per l'Ambiente ha elaborato una nuova pubblicazione contenente i migliori progetti Life+, risultati vincitori a seguito del bando uscito nel 2010.

I 13 progetti presenti nella pubblicazione rappresentano il più recente successo dei progetti LIFE+ in termini di contributo ambientale a medio e a lungo termine, grado di innovazione e trasferibilità e rilevanza politica.

Per ogni progetto vengono fornite informazioni dettagliate sugli obiettivi, i riferimenti dei beneficiari ed il budget assegnato.

Per leggere la pubblicazione CLICCA QUI


Segnaliamo anche un'altra pubblicazione: Il successo del programma LIFE Ambiente in Italia: esempi di soluzioni innovative replicabili a livello nazionale (ottobre 2010)

Il programma Life Ambiente, un’iniziativa “strutturale” dell’Unione Europea per lo sviluppo sostenibile, ha rappresentato in Italia una opportunità unica per realizzare ambiziosi progetti innovativi e dimostrativi nelle tecnologie e nei sistemi di gestione per la protezione dell’ambiente.

Dal 1992 al 2006 sono in totale 243 i progetti italiani selezionati per il finanziamento per un ammontare di investimenti complessivi pari a oltre 341 Milioni di Euro, cui corrispondono circa 113 Milioni di Euro di contributi comunitari.

A partire dal 2007 fino ad oggi, il successo del Programma LIFE Ambiente è stato ereditato dal Programma LIFE+ e tuttora l’Italia detiene un indiscusso primato: quaranta progetti finanziati nel 2009 che corrispondono a circa 38 Milioni di Euro di contributi comunitari, consentendo al nostro Paese di attestarsi al primo posto in Europa per l’ammontare dei finanziamenti ottenuti.

La presente pubblicazione illustra i progetti italiani di eccellenza che hanno maggiormente contribuito al successo del programma LIFE Ambiente e che, per le potenzialità di replicazione e di trasferimento dei risultati, sono in grado di promuovere processi innovativi nel proprio settore di riferimento.

Per leggere questa pubblicazione CLICCA QUI