martedì 26 giugno 2012

Adottato il piano di lavoro 2012 del Fondo europeo per l'integrazione dei cittadini dei paesi terzi

Il 14 giugno 2012 è' stato adottato il Programma di lavoro 2012 relativo al Fondo europeo per l'integrazione dei cittadini di paesi terzi 2007-2013, quale parte del Programma generale 'Solidarietà e gestione dei flussi migratori'.

Le priorità 2012 per le azioni comunitarie sono:

- azione locale per accrescere la partecipazione economica, sociale, culturale e politica dei migranti;

- cooperazione con i Paesi di origine per favorire l'integrazione;

- misure efficaci di governance volte a supportare i processi di integrazione.

Il budget destinato alle sovvenzioni 2012 ammonta a 7.825.110 EURO per finanziare circa 100 progetti.

Il contributo comuntiario non potrà superare il 90% del costo totale ammissibile del progetto.

La durata indicativa dei progetti non potrà superare i 18 mesi.

Il proponente e i partner dovranno essere autorità nazionali, regionali e locali, organizzazioni non governative (ONG), enti pubblici o privati, dipartimenti universitari, centri di ricerca o organizzazioni internazionali registrati in uno dei 26 Stati membri dell'UE partecipanti al Fondo europeo per l'integrazione dei cittadini di paesi terzi (in pratica tutti gli Stati membri dell'UE ad eccezione della Danimarca)

Le azioni dovranno essere attuate con la partecipazione di almeno quattro distinti organizzazioni provenienti da almeno quattro differenti Stati membri dell'UE.