giovedì 14 marzo 2013

Obiettivo del progetto TESS: condividere informazioni per tutelare la biodiversità in Europa

Condividere informazioni per tutelare la biodiversità in Europa. E' questo l'obiettivo di TESS (Transactional Environmental Support System) un progetto di ricerca cofinanziato dall'Unione europea tramite il Settimo programma quadro di ricerca (7PQ) e che ha permesso ai paesi coinvolti – Grecia, Regno Unito, Portogallo, Belgio, Polonia, Slovenia, Ungheria, Estonia, Romania, Turchia -  di mettere in rete dati ambientali per preservare le caratteristiche degli ecosistemi locali. 
 
Il progetto, dotato di uno stanziamento di oltre 2,3 milioni di euro (di cui 1,8 milioni di euro messi a disposizione dall'Ue), si è concluso con successo nel 2011. Grazie alla condivisione in rete di informazioni sulla fauna e la flora presenti nei rispettivi ecosistemi, TESS ha permesso a cittadini e autorità locali coinvolte di acquisire maggiore consapevolezza sulle tematiche ambientali.

Troppo spesso infatti in Europa vengono prese decisioni in merito alla gestione del territorio senza prendere in considerazione le ripercussioni ambientali che ne conseguono. Anche la semplice introduzione di una nuova pianta in un territorio coltivabile, infatti, può avere effetti più o meno negativi nell'ecosistema in questione.

Per evitare tali rischi i ricercatori di TESS hanno condotto indagini ad hoc in nove paesi per capire come responsabilizzare al meglio autorità locali e società civile. L'idea di mettere in rete le informazioni sui singoli ecosistemi ha riscosso grande successo, che ha portato alla creazione del sito web Naturalliance. La piattaforma consente a tutti gli utenti di partecipare attivamente alla tutela della biodiversità in Europa, riportando dati sulle specie animali e vegetali presenti nei 27 Stati membri.


Fonte:  ANCITEL