sabato 3 agosto 2013

Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale - GECT


Al fine di superare gli ostacoli che si incontrano nella cooperazione transfrontaliera, il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) è uno strumento di cooperazione a livello europeo che consente a gruppi cooperativi di attuare progetti di cooperazione territoriale cofinanziati dalla Commissione europea ovvero di realizzare azioni di cooperazione territoriale su iniziativa degli Stati membri.

Il GECT ha lo scopo di agevolare e di promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale tra i suoi membri. Il gruppo è composto da Stati membri, collettività regionali, collettività locali o organismi di diritto pubblico a titolo facoltativo.

I GECT registrati al momento in Unione Europea sono trentotto ed hanno il compito di facilitare e promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale o interregionale al fine esclusivo di rafforzare la coesione economica e sociale.

Il GECT consente agli enti regionali e locali di Stati membri diversi di raggrupparsi in un nuovo organismo dotato di personalità giuridica a norma del diritto europeo. Il GECT può costituire uno strumento per la governance multilivello e per l'attuazione della strategia Europa 2020, volta a rafforzare la competitività e la sostenibilità.

I GECT istituiti ai sensi del Regolamento (CE) n. 1082 del 5 luglio 2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e della Legge n. 88 del 7 luglio 2009, con sede legale nel territorio italiano hanno personalità giuridica di diritto pubblico senza fini di lucro. I membri di un GECT devono trovarsi sul territorio di almeno due Stati membri dell'UE.

I GECT con sede in Italia acquistano la personalità giuridica con l'iscrizione in apposito Registro, istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Segretariato generale. Tale Registro è tenuto dal Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che presiede alle attività istruttorie relative alla costituzione ed alla partecipazione ad un Gruppo europeo di cooperazione territoriale.